Home Politica Anzio, il Sindaco De Angelis limita gli orari del gioco d’azzardo nel...

Anzio, il Sindaco De Angelis limita gli orari del gioco d’azzardo nel Comune

Il Sindaco di Anzio Candido De Angelis ha deciso di disciplinare gli orari di funzionamento degli apparecchi di intrattenimento e svago

407
Candido De Angelis

Il Sindaco di Anzio Candido De Angelis ha deciso di disciplinare gli orari di funzionamento degli apparecchi di intrattenimento e svago installati nelle sale gioco e nelle altre tipologie di esercizi autorizzati dall’ex artt. 86 e 88 del Tulps. La notizia è stata annunciata tramite comunicato stampa, in cui si è precisato che,  alla luce delle recenti leggi in materia, che considerano ludopatie tutti i comportamenti patologici di gioco correlati all’uso di apparecchiature da intrattenimento, quali slot machine e videopoker, era importante prendere delle misure di contrasto. Inoltre, visto che lo stesso decreto ha come obiettivo principale quello di correggere e di limitare la loro diffusione, introducendo per i contravventori pesanti sanzioni, la line di indirizzo è stata considerata chiara. Quindi è  stato deciso dal Comune di Anzio l’orario di funzionamento degli apparecchi di intrattenimento e svago con vincita in denaro in tutte le sale gioco e/o nelle altre tipologie di esercizi autorizzati sia fissato dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 23 di tutti i giorni, festivi compresi. Inoltre è stato stabilito che le apparecchiature di gioco, nel momento in cui cessano di funzionare, devono essere spenti tramite l’apposito interruttore elettrico di ogni singolo apparecchio ed essere mantenuti non accessibili. Tutte le attività commerciali che possiedono le apparecchiature di gioco hanno da adesso l’obbligo di esposizione, all’esterno ed all’interno del locale, di un apposito avviso che renda noto la fascia oraria, fissata con l’ordinamento in cui è consentito l’utilizzo dei dispositivi da gioco d’azzardo lecito. Le violazioni delle disposizioni  saranno punite con la sanzione amministrativa che prevede il pagamento di una somma da 150 a 450 euro.