Home Politica CittaInsieme presenta il “suo” Piano Rifiuti per la Città di Anzio

CittaInsieme presenta il “suo” Piano Rifiuti per la Città di Anzio

Il Piano dei Rifiuti di Anzio è stato elaborato dall'Associazione CittaInsieme sulla scorta di analisi della situazione critica in atto e delle possibili cause che l'hanno prodotta. Il lavoro si è avvalso anche dell'apporto

126

Il Piano dei Rifiuti di Anzio è stato elaborato dall’Associazione CittaInsieme sulla scorta di analisi della situazione critica in atto e delle possibili cause che l’hanno prodotta. Il lavoro si è avvalso anche dell’apporto delle opinioni dei numerosi cittadini che si sono confrontati sul tema.
Premesso che va ovviamente considerato “incivile” e sanzionato chi lascia un sacchetto di spazzatura in giro con la consapevolezza di beffarsi delle regole, lo studio di CittaInsieme ha rilevato che questi casi sono però molto marginali rispetto al totale. La stragrande maggioranza di coloro che aggiungono il proprio a un cumulo di sacchi già presenti, lo fa in totale buona fede pensando che quello sia il modo normale di depositare i rifiuti quando non ci si può avvalere del ritiro porta a porta; cosa che avviene per varie ragioni, soprattutto legate alla durata del soggiorno che, se di brevissima durata, taglia fuori dalla raccolta enormi fette di popolazione (sì enormi, ricordiamo che ad Anzio gli abitanti arrivano a triplicarsi nei periodi di ferie). Certo c’è anche il caso di proprietari che cedono la propria casa in nero e senza curarsi di istruire l’ospite sul funzionamento del servizio, magari perché essi stessi non in regola col fisco comunale, ma non è la casistica più diffusa. E soprattutto non è questa la strada più efficace per scoprirli. Lo spirito di approccio che l’associazione chiede di adottare nella corrente situazione è quello della “massima apertura dei canali di assorbimento dei rifiuti prodotti” facilitando il più possibile gli abitanti nell´accesso alle varie modalità di conferimento. La cosa si traduce nei seguenti interventi. Il primo e più importante è l’installazione di gruppi di 12-15 cassonetti (differenziati), almeno un gruppo in ogni quartiere, senza sorveglianza di operatore ed accessibili H24. Il loro svuotamento va fatto con gli stessi turni del porta a porta per scongiurare ogni eventualità di trabocco. Il costo dell’intervento è nullo in quanto equivale a raccogliere i rifiuti di alcuni grossi condomini.

Un secondo intervento punta ad integrare il porta a porta con:
la raccolta settimanale di 2 sacchi di potature
lo spostamento dal giovedì al lunedì della raccolta del misto (grigio)
Il primo aspetto viene incontro alle persone in oggettiva difficoltà a portare il verde in discarica e combatte il fenomeno degli abbandoni da parte di giardinieri non certificati; il secondo agevola lo smaltimento dei rifiuti di chi lascia la città dopo il weekend. Il terzo intervento mira a rendere effettivo un servizio di spazzamento IN OGNI STRADA, cosa oggi inattuata nonostante il capitolato d´appalto lo preveda. Naturalmente la frequenza di spazzamento va calibrata sulle necessità oggettive della singola strada, ma non è accettabile che in alcune vie la pulizia non venga, come oggi invece accade, mai fatta. CittaInsieme suggerisce all’assessorato di classificare tutte le strade di Anzio in categorie legate alla densità abitativa e stabilire calendari di spazzamento in cui ogni strada venga trattata di conseguenza, ma ogni strada di Anzio deve vedere una spazzatrice almeno una volta al mese. Legata allo spazzamento è poi la richiesta di installare capillarmente le centinaia di cestini gettacarta già disponibili e inserirne lo svuotamento fra le mansioni dell´operatore che accompagna la spazzatrice meccanica.
Questi i pochi ma incisivi interventi che CittaInsieme propone. Ad essi è fondamentale aggiungere quello di predisporre una rete informativa di prima eccellenza (cartelli indicatori delle isole di quartiere, calendari di spazzamento, ubicazione dei centri ingombranti, volantinaggio casa per casa) per togliere ogni alibi a chiunque.
L´associazione si è dichiarata disponibile a farsi carico della progettazione (gratuita) di tale materiale divulgativo. Come si vede le proposte di modifica del servizio rifiuti sono in fondo semplici accorgimenti, neppure molti in realtà né costosi, miranti a rafforzare la capacità di assorbire la massa dei rifiuti prodotti ad Anzio, capacità che attualmente presenta strozzature micidiali, tali da determinare una massiccia fuoriuscita dal “sistema” di quella immondizia che, non incanalata dove dovrebbe, finisce in gran parte in strada. Il Pacchetto di proposte è sul tavolo dell´Assessorato per le Politiche Ambientali del Comune di Anzio fin dal luglio 2017.