Home Politica Il Meetup del Portavoce di Anzio sfiducia Tontini e avvia il dialogo...

Il Meetup del Portavoce di Anzio sfiducia Tontini e avvia il dialogo con i Grilli

Arriva dal Meetup a 5 stelle di Anzio Corpi Celesti, che sosteneva e ora non più, il consigliere comunale del Movimento 5 stelle Cristoforo Tontini,

566

Arriva dal Meetup a 5 stelle di Anzio Corpi Celesti, che sosteneva e ora non più, il consigliere comunale del Movimento 5 stelle Cristoforo Tontini, una comunicazione ufficiale sulle decisioni prese dagli attivisti in vista del prossimo confronto elettorale.
“Il giorno che abbiamo deciso di sostenere le sorti del Movimento 5 Stelle – spiega Franco Salustri, organizer del Meetup Anzio Corpi Celesti – lo abbiamo fatto perche ci siamo rivisti nei valori che lo contraddistinguono. Onestá, passione per l’uguaglianza, democrazia, lavoro di squadra e trasparenza sono per noi punti inamovibili. Abbiamo deciso di lasciare ad altri “l’arte della politica che parla della politica” per cercare tutti insieme di smontare un sistema marcio fatto di inciuci, attaccamento alla poltrona e tornaconto personale. Con questo presupposto e proprio al fine di tutelare questi valori, oggi la leadership di questo Meetup si trova costretta a prendere una decisione dolorosissima.
Alla luce di fatti gravissimi accaduti all’interno di questo gruppo, ci troviamo purtroppo obbligati a prendere le distanze da Cristoforo Tontini e da altre persone facenti parte dell’Assemblea degli Attivisti. Per molto tempo, abbiamo preferito non cogliere dei segnali negativi che ci arrivavano, giustificandoli come errori fatti in buona fede o semplicemente come vizi caratteriali. Oggi purtroppo ci siamo ritrovati a dover invece prendere atto che quei segnali erano frutto di protagonismi sfrenati e di progetti puramente personali. Ovviamente siamo consapevoli che almeno fino alla prossima certificazione di lista, non potremo piú lavorare sotto l’effige di quel bellissimo simbolo, che per noi rappresenta l’unica speranza di salvezza politica. Per questo motivo infatti abbiamo dovuto cambiare il nome di questo Meetup. Il 5 Stelle peró non é solo un simbolo del quale fregiarsi ma un’idea per la quale combattere il malessere che colpisce la nostra societá.
Per anni, molti di noi all’interno di questo gruppo, hanno predicato la necessitá di trovare una soluzione alla faida interna ai due Meetup 5 Stelle di Anzio, dovendo ogni volta fare i conti con una feroce opposizione da parte del portavoce e del suo entourage. All’inizio del mese di dicembre scorso infatti, come organizer ho richiesto un incontro con la leadership del Meetup “I Grilli di Anzio” per sondare la possibilitá di sederci a tavolino e cercare un’azione sinergica volta a fare fronte comune durante la prossima campagna per le amministrative locali. Non cercavo una fusione ma bensi la possibilitá di una collaborazione stretta che ci permettesse di dimostrare alla cittadinanza che le persone alle quali sta a cuore il destino del Movimento ad Anzio, fossero disposte a mettere da parte vecchie acredini e personalismi, per il bene comune.
Tutto ció peró non é stato accolto bene all’interno dell’Assemblea Attivisti del nostro Meetup dove la frangia capitanata da Tontini mi ha additato come traditore, emarginandomi di fatto da quel momento in poi. Nonostante questo, in nessun momento ho smesso di portare avanti il gruppo per il quale ho infatti continuato a lavorare ed a fare propaganda. La realtá peró dice che da oltre un mese a questa parte, all’interno del gruppo si é azzerata la democrazia ed il portavoce ha interrotto qualsiasi tipo di confronto con una parte degli attivisti. Tre sono state sostanzialmente le gocce che hanno fatto traboccare il vaso. La prima risale a qualche mese fa quando l’organizer uscente, a poche ore dalla fine del suo incarico, ha arbitrariamente rimosso il regolamento interno vigente per postarne un’altro, a suo dire scritto dal Tontini, mai passato per votazione.
La seconda è accaduta un mese fà quando alcuni attivisti hanno portato a votazione dell’Assemblea Attivisti un comunicato, approvato in riunione dalla maggioranza e dato in mano a Tontini che, come portavoce, lo avrebbe dovuto pubblicare per poi scoprire il giorno dopo che lo stesso aveva intenzione di rilasciarne una sua versione completamente stravolta e che alcuni di coloro che avevano votato a favore, durante la notte avevano improvvisamente cambiato idea. L’ultima accaduta poi due giorni fà dove si è evidenziata una totale scorrettezza nella gestione e nella formazione della lista elettorale per le prossime amministrative locali da parte del portavoce, che non ha minimamente coinvolto i partecipanti e gli attivisti del gruppo procedendo da solo alla selezione dei personaggi e ritenendo automatico e scontato che fosse solo ed unicamente lui il candidato a sindaco. Contravvenendo quindi alle regole statutarie
Visti questi fatti, riteniamo dunque non esistano piú i presupposti per un lavoro di gruppo dato che non ci sentiamo piú rappresentati e non vogliamo dare a nessuno la possibilitá di trattarci come burattini e di usare la nostra personale credibilitá ed immagine per scopi personali. Lavoreremo da oggi in poi solo per il bene del MoVimento e per sanare la ferita tra i due Meetup esistenti adi Anzio. Lasciamo ovviamente agli iscritti di questo Meetup la totale disponibilitá a disiscriversi a loro piacimento pur invitandoli oggi come non mai a stringersi intorno alla buona politica del Movimento 5 Stelle”.