Home Politica Città futura Anzio: “Il caso Savarino segnalato all’Autorità anticorruzione”

Città futura Anzio: “Il caso Savarino segnalato all’Autorità anticorruzione”

"Avevamo sottoposto all'attenzione dell'onorevole Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio, il caso dell'ex segretario generale del Comune di Anzio

124
CONDIVIDI

“Avevamo sottoposto all’attenzione dell’onorevole Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio, il caso dell’ex segretario generale del Comune di Anzio Avvocato Pompeo Savarino, ora in forze presso lo staff di Zingaretti per l’anticorruzione, condannato in primo grado dalla Corte dei Conti per l’assegnazione di un incarico di alta professionalità presso il medesimo ente”. Lo scrive in una nota stampa Chiara Di Fede, portavoce del Movimento Civico Città Futura Anzio e neo Direttore dell’Università civica di Nettuno nell’Amministrazione comunale a 5 stelle.

“Giunge ora la risposta alla interrogazione depositata – aggiunge la Di Fede – che ha determinato la segnalazione del caso, per le opportune valutazioni, all’autorità nazionale per l’anticorruzione. Un sentito ringraziamento per l’attenzione che pone alle problematiche territoriali giunga al consigliere regionale Fabrizio Santori, sempre disponibile a raccogliere le istanze che gli sottoponiamo in perfetta aderenza al principio della trasparenza amministrativa che caratterizza il nostro ed il suo modo di concepire l’azione di controllo politico-amministrativo”. Il consigliere Santori, sulle politiche della trasparenza ha presentato diversi accessi agli atti anche presso il Comune di Nettuno, ad esempio sull’appalto rifiuti, ma non, ad esempio, sui bandi per gli incarichi.
CONDIVIDI