Home Cronaca Il Sindaco sugli arresti: “Chi ha sbagliato deve pagare ma i fermi...

Il Sindaco sugli arresti: “Chi ha sbagliato deve pagare ma i fermi non sono condanne”

Il Sindaco di Anzio Luciano Bruschini interviene ancora sulle indagini che hanno portato all'arresto dell'ex assessore

486
CONDIVIDI
Il Sindaco di Anzio Luciano Bruschini

Il Sindaco di Anzio Luciano Bruschini interviene ancora sulle indagini che hanno portato all’arresto dell’ex assessore Patrizio Placidi, del consigliere Donatello Campa, del Dirigente del settore Ambiente e di un funzionario comunale. “Chi ha sbagliato deve pagare – ha detto il Primo cittadino – non dimentichiamo l’art. 27 della Costituzione. Il mio passato dimostra la mia linearità e la mia condotta nell’amministrazione pubblica”.

“La corruzione all’interno della Pubblica Amministrazione è un problema del Sistema Italia che, ad Anzio, sotto la mia Amministrazione, è stato strutturalmente combattuto, con il presidio dell’Anticorruzione e sempre in collaborazione con tutte le Istituzioni preposte. In altre Città e ad altri livelli istituzionali, purtroppo, accade ben altro. Il mio passato dimostra la mia linearità e la mia condotta nell’amministrare la cosa pubblica, nell’esclusivo interesse dei cittadini. Voglio, inoltre, precisare, una volta per tutte, che gli atti di gestione come forniture, gare e appalti, sono di esclusiva competenza dei dirigenti/funzionari e non sono sottoposti, in alcun  modo, al controllo del Sindaco”.

“Lo dico subito per non essere frainteso: se qualcuno ha sbagliato deve pagare. Allo stesso tempo ritengo giusto ricordare, a tutti, che siamo in fase di indagini, che al momento non ci sono processi in corso e soprattutto non ci sono condanne, nemmeno di primo grado: non si è garantisti a gettone, la presunzione di innocenza deve valere sempre, così come sancito dall’articolo 27 della nostra Costituzione. Mentre le Istituzioni preposte stanno giustamente lavorando alle indagini, purtroppo, è in corso uno sciacallaggio mediatico e politico che coinvolge persone, dipendenti e di riflesso le loro famiglie, nelle quali vivono minori che vanno a scuola, mogli, genitori anziani che, inevitabilmente, pagano il prezzo più alto di una situazione che, personalmente, confido venga definita al più presto”.