Home Politica Dell’Uomo sul parcheggione: “Non si può richiudere con terra e cariola”

Dell’Uomo sul parcheggione: “Non si può richiudere con terra e cariola”

Solo ieri l'Amministrazione comunale di Nettuno ha pubblicato l'avviso per manifestazioni di interesse con l'obiettivo di raccogliere

3631
CONDIVIDI
Claudio Dell’Uomo

Solo ieri l’Amministrazione comunale di Nettuno ha pubblicato l’avviso per manifestazioni di interesse con l’obiettivo di raccogliere i nominativi delle ditte interessate a bonificare e ripristinare la “buca” del parcheggione di piazzale Berlinguer. Oggi l’opposizione e in particolare il consigliere comunale Claudio Dell’Uomo, con il solito linguaggio colorito, dice la sua su tutta la strategia posta in essere dalla giunta Casto per arrivare a risolvere un problema davvero annoso per la città. “Quella fatta dalla giunta Casto – spiega Dell’Uomo – è una scelta scontata. Questa amministrazione non ha il coraggio di osare non tendendo in considerazione alcuna quattro anni di sacrifici per la città e i commercianti che hanno patito una situazione insostenibile. Quella che è stata fatta con l’avviso è una scelta banale – sottolinea – visto che l’unica soluzione, dopo il danno fatto nel riprendersi l’area era quella di fare comunque un parcheggio. A mio avviso la giunta avrebbe dovuto, anziché riprendersi l’area, procedere chiedendo un sequestro cautelativo dell’aria anche visto il precedete dei documenti falsi. All’interno dell’area c’erano dei mezzi che andavano sequestrati. Inoltre – aggiunge Dell’Uomo – la somma messa a disposizione dal Comune per coprire la buca è irrisoria. A ricoprire avrebbe dovuto essere Palpini e la Parkroi e invece il comune gli ha dato 30 mila euro per la recinzione. “Questa amministrazione non ha il coraggio di affrontare i fatti. Con 5 milioni di euro si poteva fare un parcheggio a due piani interrati da realizzare con un mutuo della Cassa depositi e prestiti e una gestione in progetto financing. Non pensassero i nostri amministratori che con la terre e una carriola si può ricoprire la buca, perché passerebbero anni prima che la situazione si assesti. Infine – conclude Dell’Uomo – questa decisione è stata presa dall’Amministrazione senza mai confrontarsi con i cittadini e l’opposizione per capire cosa fosse meglio fare e meno male che i 5 stelle fanno partecipare tutti alle scelte per la cosa pubblica. Saremo vigili sull’operato della chiusura della buca e per quello che mi riguarda presumo ci possa essere un grosso danno all’erario per aver sbagliato le procedure di acquisizione. Staremo a vedere”.