Home Politica Borgo, Forza Nuova contro l’ordinanza del Sindaco

Borgo, Forza Nuova contro l’ordinanza del Sindaco

"Il 13 aprile il Sindaco di Nettuno ha firmato un'ordinanza assurda che non risolve assolutamente il problema della sicurezza nel borgo".

920
CONDIVIDI
Il Borgo medievale di Nettuno

“Il 13 aprile il Sindaco di Nettuno ha firmato un’ordinanza assurda che non risolve assolutamente il problema della sicurezza nel borgo”. Lo scrive il Segretario cittadino di Forza Nuova Michela Ramaglioni. “Si tratta – aggiunge – di un elenco di divieti senza logica che hanno un solo risultato: penalizzare gli esercizi commerciali e i circoli privati spostando le risse altrove. Siamo delusi e arrabbiati per la mancanza assoluta di sensibilità del Sindaco e dell’amministrazione comunale verso un problema serio come la sicurezza e l’importanza dell’economia che producono gli esercenti nel nostro borgo. Forza Nuova – continua la Ramaglioni – ha sempre monitorato il territorio e segnalato costantemente il problema delle risse e della scarsa videosorveglianza, sperando che il Sindaco risolvesse in maniera brillante e intelligente il problema. Invece constatiamo che il Comune non solo non ha risolto il problema spostandolo in altri punti, ma ha attaccato pesantemente i concittadini che rappresentano con le loro attività una risorsa economica e di attrazione turistica. Questa ordinananza discrimina fortemente gli esercenti locali e permette a quelli stranieri di primeggiare, visto che ci sono prove oggettive che non rispettano le regole e vendono come e quando vogliono. Si sta incentivando in questo modo la loro economia contro quella dei cittadini di Nettuno che nonostante il calo degli incassi hanno sempre le stesse tasse da pagare. Siamo fortemente contrari a questa ordinanza – conclude la Ramaglioni – e ricordiamo al Sindaco che non ci fermeremo con le nostre passeggiate per la sicurezza e qualunque episodio spiacevole di violenza dovesse accadere nel nostro territorio determinerà la presa di responsabilità di chi, pur consapevole del pericolo, non ha fatto nulla pur avendone facoltà e potere”.

CONDIVIDI